Le tecnologie costruttive

TIPOLOGIE STRUTTURALI DI CASE IN LEGNO

Le tipologie strutturali delle case progettate e realizzate da Wood@home sono riportate di seguito:

  1. A PANNELLI IN LEGNO MASSICCIO INCOLLATI (X-LAM)
  2. A TELAIO

struttura xlam casa in legno

COM’È FATTA LA CASA IN LEGNO MASSICCIO X-LAM?

1. Pannelli X-LAM: sono costituiti da strati incrociati di tavole in legno massiccio, chiodate o incollate, dotati di buona stabilità dimensionale e “massa” elevata.L’essenza più utilizzata è generalmente l’abete, ma vengono realizzati anche pannelli in larice, pino, douglasia. I pannelli portanti in legno sono rivestiti sia internamente che esternamente per realizzare la parete finita. Internamente, la struttura è completata con la stesura di un freno a vapore, un cavedio per gli impianti e a terminare, un doppio pannello di finitura interna in gessofibra, cartongesso o altro materiale ecologico. Esternamente viene installato “cappotto” coibente di idoneo spessore scelto in base alle esigenze climatiche; infine viene messo in opera lo strato di finitura o si opta per una facciata ventilata.

Il solaio d’interpiano può essere realizzato con un pannello in X-LAM, oppure con travi lamellari ed assito sul quale vengono quindi realizzati i massetti a secco, gli impianti e le pavimentazioni che possono essere di qualsiasi tipo (parquet, ceramica, pavimenti galleggianti, ecc.).I solai di copertura sono realizzati con un’orditura in legno lamellare posta a opportuno interasse con sovrastante assito sopra al quale è prevista una membrana igrovariabile, listello in legno per alloggio dei pannelli isolanti, un ulteriore strato isolante con densità più alta per eliminare ogni eventuale ponte termico, guaina impermeabilizzante, listelli di ventilazione e manto finale di copertura scelto in base alle esigenze progettuali.

Le fondazioni sono generalmente realizzate con platea in c.a. oppure, nel caso di presenza di piani interrati, le pareti portanti dei piani superiori sono posizionate in corrispondenza dei setti in c.a.
Il comportamento sismico di un edificio in legno realizzato con pannelli X-LAM è quello di una struttura scatolare con diaframmi di piano e pareti collegati mediante elementi meccanici. In questo caso le pareti hanno il compito di assorbire le sollecitazioni verticali ed orizzontali (carichi verticali e vento). Il collegamento fra la struttura in legno e le fondazioni in c.a. viene assicurato mediante opportune piastre e barre filettate in acciaio o tasselli a pressione dimensionati per dissipare l’energia generata dalle azioni sismiche.Inoltre il pannello X-LAM, non essendo contemplato né come legno lamellare, né come legno massiccio, rientra nella categoria “Altri prodotti derivati dal legno per uso strutturale” come riportato nel paragrafo 11.7.6 del D.M. 14.01.2008 (NTC 2008) e per il quale le Aziende Produttrici devono essere in possesso della Marcatura CE o di un Certificato di Idoneità Tecnica all’Impiego rilasciato dal Servizio Tecnico Centrale sulla base di Linee Guida approvate dal Consiglio SuperiiPubblici.Questa tipologia strutturale è da preferire per la realizzazione in zone sismiche e per le tempistiche di prefabbricazione e cantierizzazione ristrette.

COM’È FATTA LA CASA IN LEGNO CON STRUTTURA A TELAIO?

2. Struttura a Telaio: è un sistema molto leggero in quanto pareti e solai sono costituiti da un’ intelaiatura di elementi di legno: pilastri, travi, controventi e saette in legno. Gli elementi di controvento possono essere realizzati con aste di legno, con pannelli strutturali a base di legno, o con croci in acciaio. Fra gli elementi strutturali è posto uno spesso strato di materiale isolante.

Esternamente, le pareti sono ulteriormente rivestite da un cappotto isolante di piccolo spessore per eliminare ogni ponte termico. Le finiture possono poi essere di qualsiasi tipo: intonaco, mattoni faccia a vista, pietra, doghe in legno, facciate ventilate.

struttura a telaio casa in legno
I solai d’interpiano sono realizzati con travi in legno lamellare appoggiate alle travi principali dei telai; successivamente viene posto un assito di opportuno spessore sul quale vengono quindi realizzati i massetti a secco, gli impianti e le pavimentazioni che possono essere di qualsiasi tipo (parquet, ceramica, pavimenti galleggianti, ecc.).

I solai di copertura sono realizzati con un’orditura in legno lamellare posta a opportuno interasse con sovrastante assito sopra al quale è prevista una membrana igrovariabile, listello in legno per alloggio dei pannelli isolanti, un ulteriore strato isolante con densità più alta per eliminare ogni eventuale ponte termico, guaina impermeabilizzante, listelli di ventilazione e manto finale di copertura scelto in base alle esigenze progettuali.

Le fondazioni sono generalmente realizzate con platea in c.a. oppure, nel caso di presenza di piani interrati, i telai dei piani superiori sono posizionati in corrispondenza dei setti in c.a.
Questa tecnica permette una grande flessibilità architettonica. La scelta di utilizzare tale tecnologia è infatti dettata principalmente da condizioni strutturali o da particolari necessità come grandi luci o grandi aperture. È molto utilizzata per sopraelevazioni quando si vogliono scaricare in maniera puntuale le sollecitazioni determinate dalla struttura in legno sovrastante sull’intelaiatura in c.a. sottostante.
La struttura a telaio permette inoltre un maggior isolamento termico a parità di spessore della parete.
Essa è da preferire anche nel caso di accesso difficoltoso al cantiere da parte di mezzi di trasporto pesanti.

Share Button